Benvenuti nel nostro Blog

Segui le ultime Novità

Leggi

Lammidia a Les Anonymes 2016, Angers (Loira)

Anche quest’anno saremo presenti a “Les Anonymes”, una delle fiere di riferimento per il vino NATURALE… solo micro produttori, prevalentemente francesi, con vini davvero unici, realizzati senza uso di sostanze chimiche aggiunte — > 100% uva e basta!

Se hai modo di venire vale veramente la pena!

Dove: salons Curnonsky, 6 place Maurice Sailland, Angers

Quando: 31 gennaio 2016, dalle 10 alle 19

Partecipanti:

LES VIGNES DU batossay ANJOU

GARNIER Jean-Christophe  ANJOU

BUREAU Damien  ANJOU

LA COULEE D’Ambrosia  johana et jf Chene ANJOU

LAMBERT Jérôme  ANJOU

LES VIGNES HERBEL     ANJOU

FRANCOIS MAUDET     ANJOU

GARREAU cédric  ANJOU

BOUTIN Thomas  ANJOU

BOREL Pierre  BOURGUEIL

DOMAINE DU MORTIER  maison Boisard BOURGUEIL

COURANT XAVIER  BOURGUEIL

COURTAULT Joel  TOURAINE

LES MAISON BRÛLÉES      TOURAINE

RIPOCHE jacky  SAUMUR

FRANCOIS ST LO    SAUMUR

L’HOTELIER Mathieu  les chants jumeaux CX D’ANCENIS

FÉVRIER JACQUES      CX D’ANCENIS

SEDES Remi   CX D’ANCENIS

OCTAVIN   JURA

GRAPPE Didier  JURA

PECHIGO  S. Saux LANGUEDOC-ROUSSILLON

LE Pelut   Pierre Rousse   LANGUEDOC-ROUSSILLON

COULANGE Alexandre  LANGUEDOC-ROUSSILLON

POUJOL Remi  LANGUEDOC-ROUSSILLON

SCHMITT john  LANGUEDOC-ROUSSILLON

PEYRAS julien  LANGUEDOC-ROUSSILLON

BELLAHSEN Bernard    LANGUEDOC-ROUSSILLON

ES D’AQUI Jl Pinto    LANGUEDOC-ROUSSILLON

CLOS MASSOTTE Pn Massotte   LANGUEDOC-ROUSSILLON

MATIN CALME   ROUSSILLON

CLOS DES CÎMES    VALLEE DU RHÔNE

BALAGNY Julie  BEAUJOLAIS

BOYAT Pierre  BEAUJOLAIS

HERVE RAVERA    BEAUJOLAIS

GUICHARD Jérôme  BOURGOGNE

BAUCHET Lilian  BEAUJOLAIS

LA Sorga  MULTI-SUD

LE PETIT DOMAINE   LANGUEDOC

JO JEFFERIES     LANGUEDOC

LA FONTUDE      LANGUEDOC

OLIVIER PRUNIERES     LANGUEDOC

JULIE BROSSELIN     LANGUEDOC

LOUIS PERROT     CAHORS

LA CAVE DES NOMADES      ROUSILLON

LA VRILLE ET LE PAPILLON      ARDÈCHE

BOCK sylvain   ARDECHE

LA CLOSERIE DES MOUSSIS    BORDEAUX

CHÂTEAU LAMERY J.BROUSTET  BORDEAUX

LES TROIS PETIOTES    BORDEAUX

AZIENDA AGRICOLA COSTADILA     VÉNÉTIE PROSECO

LAMMIDIA          ABRUZZO 

Marc Abel et PIOLET benoit CIDRE ET LIMONADE de bretagne

 

SAURIGNY jérôme  ANJOU

LES VIGNES DE BABASS ANJOU

LA LUNOTTE  Foucher    TOURAINE

TRICOT Marie et Vincent    AUVERGNE

BOUJU PATRICK         AUVERGNE

SIMONUTTI PASCAL       TOURAINE

L’ESCARPOLETTE          LANGUEDOC

JOSEPH PAILLE            ROUSSILLON

FLEURET SÉBASTIEN       ANJOU

ALAIN CASTEX           ROUSSILLON

ALDO VIOLA         SICILE

FRANK CORNELISSEN     SICILE

 

Vendemmia 2015 – i nuovi arrivati in casa Lammidia

Quest’anno, come al solito, ci siamo divertiti parecchio, inventando e sperimentando nuovi vini in base a quello che proponeva l’annata e a ogni idea che ci passava per la mente; nonostante ci ripromettiamo ogni anno di ridurre il numero di etichette perché “commercialmente difficile da gestire”, anche nel 2015 ce ne siamo fregati altamente e abbiamo dato libero sfogo alle nostre idee e curiosità, sfornando 12 vini (se tutto va bene e la ‘mmidia funziona)!

Di seguito la produzione del 2015, con alcuni nomi ancora da decidere:

BIANCHI

  1. il Pecorino: visto che se ne parla tanto, abbiamo detto “proviamo sto pecorino!”; d’altronde chi fa in Abruzzo un pecorino senza lieviti e solfiti aggiunti!?!?!? Non siamo mai stati dei grandi fan di questo vitigno, però abbiamo voluto testare direttamente facendolo a modo nostro… Sorprendentemente dopo il primo assaggio, a fine fermentazione, abbiamo grandi aspettative e siamo parecchio gasati su questo vino! Una meravigliosa e profumata spremuta di limone!
  2. Bianchetto: ormai una garanzia! Per evitare di rimanere senza la prossima estate, quest’anno ne abbiamo fatto un botto! Altrimenti che ci beviamo sotto l’ombrellone al mare!?!??! Ovviamente proporzionato alle nostre minuscole dimensioni e possibilità… insomma ci abbiamo creduto! Già adesso i profumi tropicali si fanno sentire… oltre al solito ananas si sentono forte anche il mango e il frutto della passione… Lo muoveremo il meno possibile per evitare che questi profumi si disperdano!
  3. la Malvasia: in una vigna che abbiamo preso in affitto quest’anno, a Pescara Colli, c’erano parecchie varietà di uve, tra cui la Malvasia! Abbiamo deciso di vinificarla in purezza, pressata con i piedi e con il mosto a contatto con le bucce per 5 giorni prima di torchiarla… Per adesso, onestamente, non abbiamo ancora capito dove andrà a finire! Aspettiamo qualche settimana e vediamo se si esprimerà un po’ di più!
  4. Bianco Anfora: quando abbiamo preso le anfore qualche anno fa pensavamo che la cosa più positiva di usare questo contenitore fosse la possibilità di avere una micro-ossigenazione con l’esterno senza dare nessuna impronta (al contrario delle barrique vanigliose)… oltre questo, abbiamo scoperto che ha anche la capacità di tirar fuori dal vino dei profumi e degli aromi che nessun altro contenitore riesce a fare. Prendi un trebbiano, mettilo in anfora e darà tutto il meglio di sé! Tutte le caratteristiche sono in continuità con gli anni passati!
  5. Bianco Abbandonato: verso fine vendemmia, quando non sapevamo più che inventarci, abbiamo incontrato un amico che ci ha detto di aver saputo di una vigna a San Vito che era stata abbandonata quest’anno, subito dopo la potatura, perché il proprietario “non ha avuto tempo” di trattarla… quindi abbiamo una vigna di Trebbiano che non ha subito trattamenti?!?!? neanche zolfo e rame!?!!??! e le uve sono sane!?!?!? Esatto! Presa! Il colore tende un po’ al rosa e il profumo è di mela rossa… Promette molto molto bene!

 

ROSSI – ROSATI

  1. il Rosato: quest’anno abbiamo finalmente fatto anche noi un rosato vero, il classico “Cerasuolo d’Abruzzo” con il Montepulciano! Dopo due settimane dalla fine della fermentazione era già pulito e limpido, con dei bei profumi di fragoline selvatiche… quasi quasi lo imbottigliamo subito!
  2. Rosh: serve anche un vino che segue un po’ il gusto della tradizione abruzzese per il rosso, quindi non poteva che venir fuori “lu rosh”; pigiato con i piedini di Piera, ha fermentato a contatto con le bucce per una settimana, poi l’abbiamo torchiato e lasciato finire di fermentare in cemento. Il nostro segreto è una piccola percentuale di Trebbiano (circa l’8%) per dargli un po’ di freschezza e maggiore bevibilità…
  3. 12 meno meno: quest’anno siamo arrivati un po’ tardi e ci è “scappato” lo zucchero del cabernet! L’anno scorso (per sbaglio dobbiamo ammettere) abbiamo fatto un vino a 9,5% alc…. sembrava assurdo, ma è venuto fuori qualcosa di allucinante! Ancora oggi, quando non sappiamo più che bere, per pensare a cosa bere, ci scoliamo una bottiglia di 10 meno meno… Quest’anno ha la stessa impronta, ma sa più di vino!
  4. Rosso Anfora: pigiato con i piedi, lasciato fermentare con le bucce per 2 settimane a cappello sommerso, poi torchiato e finito di fermentare nella anfore di terracotta! Rispetto agli altri anni, abbiamo scelto di dargli più buccia, quindi più tannino e profondità… Possiamo dire che abbiamo fatto un vino “elegante”!?!?!?
  5. Rosso Carbo: 3 settimane in macerazione carbonica (grappoli interi sigillati nelle vasche di cemento), poi direttamente al torchio! La fermentazione alcolica è andata come un fulmine! In una settimana ha completato tutti gli zuccheri! Profumi sconosciuti e inaspettati per l’uva Montepulciano…

 

BOLLICINE

  1. Sciambagn: Il bianchetto rifermentato (speriamo che riparta la fermentazione…) in bottiglia con un’aggiunta di mosto fresco di bianco anfora! Attendiamo che i lieviti si risveglino e mangino gli zuccheri contenuti nel mosto, così da attivare una piccola fermentazione alcolica e lasciare la CO2 imprigionata nella bottiglia che farà tante tante bollicine!
  2. li Mindanir: un rosso spumante rifermentato in bottiglia, stile lambrusco, a partire da lu Rosh… l’abbinamento ideale per gli arrosticini e la carne arrosto! No tranquilli, questo non è cancerogeno!

Lammidia a H2O VEGETAL 2015

LAMMIDIA sarà presente il 19 e 20 Luglio alla fiera (direi piuttosto fiesta) più divertente di vini naturali che si tiene in Europa! H2O Vegetal, o agua vegetal, come dice Laureano Serres, che organizza ormai da qualche anno questi 2 giorni di delirio!

Una combriccola di produttori Spagnoli, Francesi e Italiani che si ritrovano a El Pinell de Brai, in Catalogna, per condividere il frutto delle loro gioie e fatiche…

Unica regola: NO CHIMICA! Sono ammessi solo produttori che non utilizzano nessun additivo chimico, tantomeno i solfiti, quindi non potevamo mancare!

 

PROGRAMMA

19 / 7 / 2015

dalle 18:00 alle 22:00 > Degustazione e vendita

dalle 22:00 alle XX:XX > Fiesta

20 / 7 / 2015

dalle 10:00 alle 13:30 > Degustazione dedicata ai professionisti.

dalle 14:00 > Paella per i produttori e il pubblico (posti limitati).

SIESTA, PISCINA, RIO, PLAYA, ECC.

 

PARTECIPANTI

Celler Escoda Sanauja
Mendall
Naranjuez
Jordi Llorens
Casa Pardet
Bodega Cueva
Clot de les Solderes
Bodega La Encina
Partida Creus
CosmiC celler
Goyo Garcia Viadero
Domaine du Chassoney
Clos des Grillons
Simon Busser
Clos Fantine
Vinyer de la Rouca
Le temps des Cerises
Mosse
Marula
Domaine des Miquettes
Château du Perron
LE PELUT
La Sorga
Coulée d’Ambrosioa
Andrea Calek
Domaine de la Tournelle
Maria Fita
Pierrot Bonhomme
Alexandre Coulange
Nicolas Vauthier
Valentin Valles
Massote
Vin d’Olivier
Baptiste Cousin
Pechigo
Feudo d’Ugni
Lammidia
Cuatro Manos
Colombaia
es d’aqui
Xavier Marchais
Julien Meyer
Terres de Selma
Los Comuns
Descombes
Pierre Cotton
Antoine Thevenet
Damien Coquelet
Domaine Viret
Chateau Paquita
Henri Milan
Le Coste
Matassa
Pheasant’s Tears
Mariam Iosebidze
Ramaz Nikoladze
Niki Antadze
L’escapolette

 

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi